martedì 15 novembre 2011

Brick City Contest IV

                                 WE LOVE SAMPIETRINI!
Chissà quanti sampietrini compongono i famigerati banks rozzi e sconnessi dell' isola Tiberina? Ma sopratutto, i sampietrini sono stati ideati sotto Papa Sisto V° per lastricare il manto stradale di tutte le principali vie di Roma. Ora mi chiedo, quale mente creativa ha ben pensato di coprirci gli immensi lati dell' Isola Tiberina? Sopratutto in vista del fatto che i banks non costituiscono superficie rotabile, e se non fosse per l'uso didattico che ne fanno gli skaters, quei grezzi ciottoli di basalto patirebbero una mortale, eterna noia.
Qui entra in gioco l'urbana sensibilità di Papik Rossi, che supportato da Playwood Distribution e Fisheye Skateshop hanno organizzato la quarta edizione del Brick City Contest svoltosi Domenica 23 Ottobre. In palio il pesante Sampietrino d'Oro. Ce la farà il comodino del vincitore Cristian Sirica Boccia a sopportare la sua massa fino all'anno prossimo?


Filmato e montato da Stefano Federici, additional filming Jesse Germano.

mercoledì 26 ottobre 2011

Soul Mission

E' noto e risaputo che Papik sia stato assunto da un pò di tempo a stà parte dai servizi di intelligence di Trastevere come agente segreto, e non è raro vederlo attraversare Roma in missione sul suo Cruiser Rossi. Quel che quasi nessuno sà è che in realtà lui sia un doppio agente che lavora per Fisheye skateshop e gli interessi dello skateboarding Romano.

Pochi giorni fà è partito per la sua ultima missione, pericolosa quanto importante ed indispensabile: riportare il Soul sulle strade di Roma!

Pure Skateboarding N°5

Il nuovo Pure arriva nei negozi e da Fisheye Skateshop è già ressa per accaparrarsi le copie cartacee! Le parole di Papik Rossi nell' editoriale riusciranno a far breccia nei freddi cuori delle multinazionali attivamente impegnate a prosciugare lo skateboarding della sua essenza?

Pure Skateboarding for Pure dudes!
 

sabato 22 ottobre 2011

A Brief Glance issue 9

Quanti aspirano alla carriera da pro skater? E quanti veramente riescono a coronare il proprio sogno? Ma la vita da pro non è solo rose è fiori, anzi, è quando diventa un vero e proprio lavoro che può venir meno l'essenza dello skateboarding e la ragione per la quale in primo luogo hai cominciato.
Due colossi dello skateboarding mondiale ci raccontano come la loro passione li abbia portati nella mecca della tavola a rotelle per perseguire il loro sogno di diventare professionisti, e le diverse strade che hanno successivamente intrapreso.
Ladies and Gentlemen, Davide Biondani e Guido Bendotti ci presentano in anteprima l'astronauta italiano Giorgio Zattoni, e la leggenda del base-jumping statunitense, Jamie "Leap of Faith" Thomas!!! 
Wow!


sabato 8 ottobre 2011

When in Rome, do as the Strangers... PURE N° 5 coming very soon!

Il N°5 di Pure Skateboarding sembra stia in dirittura d'arrivo, e il famoso detto, "When in Rome do as the Romans do!" sembra sia una cosa del passato, perchè a quanto pare i componenti del team Strange sono diventati tutti 100 metristi. Chissà che invece dei trick il buon Mirai non si sia messo a scattare sequenze fotografiche al posto del foto-finish?
Lo scopriremo presto, molto presto, perche il nuovo issue sta arrivando, e PURE di corsa a quanto pare!

mercoledì 5 ottobre 2011

Stronzo Urbano!

A pranzo sono andato al supermercato vicino casa a fare un pò di spesa. Al mio arrivo tutta la strada era cosparsa di volanti della polizia e gazzelle dei carabinieri. Dentro di me ho pensato, "avranno preso qualche ladruncolo che s'inculava er parmiggiano reggiano." Invece parlando col cassiere ho saputo che erano stati rapinati ed il rapinatore era addirittura a volto scoperto. Al giorno d'oggi con tutte ste telecamere e le guardie che t'escono dallo schermo dell' iphone per arrestarti, non è che abbia dimostrato tutta stà furbizia. Allora ho pensato che deve essere stato proprio un gesto disperato.
Questo non è proprio un bel momento storico, le persone si scannano l'un l'altro per le briciole. Siamo tutti contro tutti in una gara a chi è più stronzo. Ieri sera mentre andavo a lavoro, all' improvviso mi spunta un taxi dalla via laterale senza fermarsi. C'è mancato poco che mi prendeva mortacci sua! Gli ho detto di guardare e questo m' ha cominciato ad insultare! Il bello è che stavo pure skeitando sulla pista ciclabile e perdippiù sulle strisce pedonali...
Je n'ho dette di tutti i colori! Mandare affanculo uno stronzo per strada è una bella soddisfazione, ma il punto del discorso è un' altro. C'è chi è disperato, chi ha fame, e chi è pieno di rabbia e veleno. Le persone stanno a pezzi...e la situazione politica ed economica non fa che peggiorare sta situazione esasperata. Ora vorrebbero metterci a tacere con la "Legge bavaglio." E sapete che c'è? Mandare affanculo sul web i politici che cercano a tutti i costi di renderci la vita miserabile è un mio diritto! Stronzo e più stronzo, per strada è pieno de stronzi, ma fai che tutti stì stronzi si uniscono contro i nostri governanti e per loro si profila proprio una bbella situazione di merda!

lunedì 19 settembre 2011

Liscio!

Adrenalina appalla! rischià de morì può solo che farti apprezzare di più il fatto di essere vivo su stò pianeta maledetto!

...piccola clippetta di qualche annetto fà filmata e montata da Micheal Quigley...thanks mate!

sabato 17 settembre 2011

Bronzo Urbano

Il bronzo è un metallo composto di una lega generalmente di rame/stagno, anche se il secondo metallo può essere alluminio, nichel, o berillio. Si adatta a molteplici usi, è resistente alla corrosione, malleabile e facilmente lavorabile. Trovò largo uso durante l'Età del Bronzo, dal 3500 a.C. al 1200 a.C. circa.  Fù usato per costruire armi, attrezzi, monete, e sculture. Successivamente arrivò l'età del Ferro, un metallo più debole e meno resistente ma più facilmente reperibile, e il bronzo venne considerato un metallo pregiato.
Ed eccoci millenni dopo, dove i materiali di più largo uso e consumo sono i derivati del petrolio, le materie plastiche, talmente diffuse che compriamo e buttiamo quotidianamente involucri, buste, contenitori, ed una miriade di altri oggetti. Consumiamo talmente tanta monnezza, benzina, petrolio, gomma, scarpe, vestiti che il nostro ambiente è prossimo al collasso e noi con esso. Ma tanto c'è il Progresso, progrediamo, stiamo evolvendo...o almeno questo è quello che vorrebbero farci credere. E noi andiamo avanti noncuranti, giorno dopo giorno, calpestando l' asfalto che ci separa e ci isola dalla terra sottostante e dalla natura. Tanto basta che portiamo avanti i nostri interessi, eccheccefrega no? Quanta ipocrisia!
Dal greco ypokritès, letteralmente deriva da ypò, sotto, e kritès, spiegazione. Una sotto-spiegazione, inganno, ingannare, mentire. Nell' antica Grecia l' ypocritès era l'attore.
Mi auguro proprio che regrediremo invece di progredire. E allora ben venga una nuova età del Bronzo. Il Bronzo Urbano.
-J.Levin

"Ogni volta che ho in mente un progetto e ne parlo con qualcuno che reputo in grado di capire e vengo criticato allora vuol dire che quella cosa sara' perfetta"
-Papik Rossi.


 Migliaia di anni fa questa sbarra sarebbe stata costruita in bronzo. Monteverde.
 Lorenzo Marconi e Michele Marconi, double smith grinds. Via della Conciliazione.
Papik e Jon dopo una lunga giornata schiacciano un pisolino...4:00 am
                                     Gaspare nel suo habitat naturale.
Con uno sforzo sovrumano, Jonny evita che la palma caschi addosso al muro di mattoncini. Bank 2 wallride. Aurelia.

martedì 30 agosto 2011

Ma che bella Primavera!

Domattina quando prendete la vostra macchina per andare a lavoro ricordatevi di fare il pieno di sangue dal benzinaro!!!!!

Mi viene da piangere...
N.A.T.O. = M.O.R.T.O.

dal sito: www.libyanfriends.com


venerdì 12 agosto 2011

A Brief Glance 8

Dopo l'ottavo issue su issuu, ho finalmente capito perche questa rivista si chiama così. "A Brief Glance". Te credo, non fai in tempo a finì de legge l'editoriale che esce n'altro numero! Come se diceva na volta, "malimortè!" Certe volte me chiedo se Biondani non abbia un esercito segreto di assistenti fotografi sparsi per il pianeta?!
A voi l'ultima fatica digitale, "Oooooh Issuu!"


mercoledì 10 agosto 2011

Bronzo Urbano coming soon

Lo dico sempre che il traffico è da matti! Le automobili sono involucri di metallo che ci rendono insensibili ed intolleranti verso il prossimo...ma anche noncuranti del pericolo e del dolore fisico che ne deriverebbe...

Per fortuna ci pensa lo skate a farci tornare alla realtà con un par de ruzzoloni ben assestati.
 
     Papik in wallienollie sul muro di un istituto scolastico

venerdì 22 luglio 2011

Ao, Ma Chi Te Manda?

Me manda Frank Sent Us!

Non saprei definire la loro musica. Un mix letale di immagini video e suoni remixati per creare un cocktail surreale. Frank Sandrello et Co. questa volta hanno usato i rumori della tavoletta a rotelle...una partitella a s.k.a.t.e finita male, er Jonny che ce pija na bottigliata in testa con relativo inseguimento per le strade di Roma! Certo farci aspettare un anno intero per farlo uscire? Ah già, perchè er Nico era ancora latitante...

domenica 19 giugno 2011

A Brief Glance N°7

"PAY YOUR DUES TO SKATEBOARDING IF YOU LOVE IT!"

Con questa citazione si apre il sipario del nuovo A Brief Glance. Un issue come al solito ricco di contenuti skateistici, ma anche un paio di articoli che trasudano una consapevolezza per il nostro pianeta Terra sempre più a rischio distruzione.
Pochi mesi fa Ale Martoriati ha lasciato Roma per andare a vivere in Giappone con sua moglie. Il caso, o forse la sua poca organizzazione hanno fatto sì che non riuscisse a sbrigare tutte le pratiche prima di partire, ed è quindi stato costretto a tornare. Esattamente una settimana prima del catastrofico terremoto che ha colpito il paese del Sol Levante! Ale, te dico solo: CHE BUCIO DE CULO!
Un altro supereroe che vorrebbe salvare il nostro maledetto pianeta dall' infinita stupidità e avidità umana è Pierre Andrè Senizergues, noto freestyler anni '80 oggi proprietario della Sole Technologies, che raggruppa i tre shoe brands ès, Emerica ed Etnies. Pierre è molto attento all' ambiente e ci parla dei suoi progetti eco-friendly, sopratutto della foresta che stanno piantando in Costarica di ben 35.000 alberi! Unica cosa che non ho capito, ma verranno usati per costruire nuove tavole da skate?

Basta stronzate sfogliatevelo qua sotto embeddato!


venerdì 17 giugno 2011

Vade Retro Satana!

Correva l'anno 1999 quando decisi che ne avevo abbastanza del tubo catodico e delle stronzate trasmesse ad ogni ora del giorno e della notte. Ogni volta che guardavo un telegiornale od un programma di "informazione" mi innervosivo, mi incazzavo, uscivo fuori di testa. Quella scatola maledetta aveva un influenza incredibile sul mio dannato umore. Fino al giorno che decisi di farlo. Decisi di commettere un omicidio. Ebbene si, dopo anni d'infanzia passati assorbendo migliaia e migliaia di informazioni e stimoli esterni, violenza, horror, violenza, stragi, assassinii, sangue, violenza e quant' altro, ero arrivato alla più totale saturazione. Diventai ciò che guardavo, fui sopraffatto dalla rabbia che piano piano era cresciuta dentro me. Presi d' istinto quella scatola di Pandora e la fiondai con tutta la forza sul pavimento. Non contento infierii su di essa più e più volte prendendola a calci e schiacciando sotto la suola delle scarpe ogni pezzetto di plastica sopravvissuto alla mia incontrollabile ira funesta.
Quando mi calmai non era rimasto molto della mia televisione. Un cumulo di macerie di plastica e vetro giaceva inerte sul pavimento di camera mia. Mai più le avrei permesso di prendere il sopravvento sulle mie emozioni. Sentivo di aver ripreso possesso di me stesso. Mi ero liberato di un demone.
Ad oggi io non posseggo una televisione. Certo può capitarmi di guardarla fuori casa, ma ora non può più nuocermi. Ho imparato a guardare i suoi contenuti con occhio critico, ho imparato a tenerla a bada come fece Ulisse con le Sirene. La TV è una macchina diabolica per la manipolazione dell' opinione pubblica e del pensiero delle masse in modi molto più sottili di quanto possiamo immaginare. La sua influenza è così potente e pervasiva che le persone non riescono a fare a meno di guardarla.
Mi piacerebbe provocare un effetto a catena. Se ognuno commettesse un piccolo omicidio come ho fatto io, chissà che non si potrebbe scatenare una piccola rivoluzione?!

martedì 14 giugno 2011

Senza Senso...

E' passato un pò dall' ultimo post...purtroppo non ho avuto tempo di aggiornare...come dice il detto: "Il lavoro nobilita l'uomo..." Beh, io invece mi sento umiliato. Ne sono successe di cose ultimamente...la guerra in Libia, l'assassinio di Kaiser Soze aka Bin Laden, ed il recentissimo referendum che ha tenuto col fiato sospeso l'Italia intera...ancora siamo convinti di poter cambiare le cose andando a votare...io ho votato per la prima volta in vita mia, e mi sento ancor più umiliato di quando vado a lavorare.

Ce l'hanno insegnato gli Egiziani, i Tunisini ed ora il popolo Libico che se vuoi cambiare lo status quo non ti resta che impugnare le armi e rivoltarti al Potere. La Libia si ribella a Gheddafi ed il mondo intero gli dà contro, non per togliere nulla all' eroico popolo Libico, ma ci sò bboni tutti a fà i ribelli col supporto, le armi, ed i finanziamenti dalla C.I.A. ed i servizi di intelligence dei paesi occidentali! Il vero ribelle, che ha due palle veramente grosse in questo caso è il Signor Muammar Gheddafi, capro espiatorio per l'ennesima illecita guerra del petrolio. Ma tanto si sà, siamo talmente bravi a predicare la democrazia nel nostro paese che ci dimentichiamo di farlo all' estero. Probabilmente Muammar farà la stessa fine del suo "collega" Saddam...tutto molto democratico dai, andiamo a votare così raggiungiamo il quorum del 50% + 1 di pecoroni senzapalle. Ma non dimentichiamo di andarci in macchina, altrimenti che coerenti Italiani del cazzo a favore delle energie rinnovabili siamo?!

Ma andatevene tutti affanculo! Voi, la politica, la guerra, il nucleare, l'acqua privatizzata e il quorum! Così tante sono le cose che non vanno a stò mondo che o facciamo veramente qualcosa per cambiare noi stessi o non ha proprio senso lamentarsi...dobbiamo riformattare completamente il nostro stile di vita e l'ordinamento sociale. E se un giorno l'acqua arrivasse a costare 80 euro ogni volta che mi lavo il culo, a me mi troverete per strada a vendere buste di piscio ai semafori per arrotondare...

Cioccatevi er Niccolò Cimini che in quanto a campà ed umanità ve dà na pista a tutti!
 

giovedì 7 aprile 2011

Rulla Per Strada

Pomeriggio tardi al calar del sole di un' afosa giornata di Luglio a piazza San Cosimato, nel cuore di trastevere. I personaggi, er Jonny e er Nico zozzi di vernice bianca dalla testa ai piedi complici di aver appena imbiancato un appartamento a Monteverde.

Praticamente se stavamo a fà dù wallride sui muri inclinati della piazza da poco riqualificata per gentile concessione del Comune di Roma quando ecco sopraggiungere un bambino con il suo papà, che nel vederci fà al figlio, "guarda, guarda come vanno sul muro! Hai visto?!"
Ed il bambino, ovviamente più sveglio ed esperto sul mondo circostante prontamente esclama, "papà, ma vanno sul muro perchè sono muratori!"

Priceless!
 

sabato 26 marzo 2011

Jon Levin's manifested Egocentrismo

EGOCENTRISMO

Definizione: Tendenza a considerare solo se stessi e a mettersi al centro di ogni cosa.

Lo psicologo Svizzero Jean Piaget (1896-1980) sosteneva che tutti i bambini sono egocentrici ed incapaci di differenziare fra il loro punto di vista e quello altrui. Ciò non sembra una grave manifestazione nei bambini, anzi è normale. Psicologicamente sembrerebbe essere un problema negli adulti. Infatti l'incomprensione fra adulti la maggior parte delle volte non dipende da incomprensione linguistica ma dall' egocentrismo delle persone coinvolte.
Lo psicologo Jean Piaget si gode un momento di relax.

Tornando a me, credo di essere fortemente egocentrico, ma a differenza di altri adulti egocentrici, almeno io sono rimasto in contatto con il bambino interiore che è in tutti noi. Noi ci capiamo a meraviglia, anzi andiamo super d'accordo caro Dott. Piaget...

Sono fiero di pubblicare qui sul mio blog una mia intervista uscita qualche settimana fà sul sito Rockinthemiddle:
http://www.rockinthemiddle.com/blog/interviste/jonathan-levin-itw/

ed un articolo scritto da me medesimo sul blog di quei "pigri Italiani" del noto marchio Bastard:
http://blog.bastard.it/2011/03/09/jonathan-levins-blog/

giovedì 10 marzo 2011

Giampiero "G" Pelusi on PURE N°4 Coming Soon

La rivista Pure Skateboarding con l'uscita N°4 fra pochi giorni, ci fa fare un tuffo nel passato di testa con una retrospettiva su un personaggio che oserei definire cinematografico per la sua naturale e disinvolta posa da attore. Questa volta è lui a ritrovarsi per la prima volta davanti un obiettivo...essendo il personaggio in questione il rispettato fotografo ufficiale della scena skate Romana degli anni '90, e senior fotografo di XXX Skateboard Magazine.
Ah, dimenticavo, che a Roma è famoso oltre che per le sue foto, anche per aver fatto attendere ore ed ore sotto casa i suoi amici mentre lui provava le scarpe "adatte" ed in tinta con il resto dei suoi vestiti...
Beh, per fortuna che non ti ho ripagato con la tua stessa moneta Giampiè, perchè ti accontento quasi immediatamente con questa clippetta di perle della tua infinita saggezza.
Daje fratè!

Signori e signore, vi presento l'illustre Giampiero "G" Pelusi.

sabato 5 marzo 2011

Nico Gaetano

Un anno e mezzo fà ho fatto dei lavori di ristrutturazione in un' agenzia di moda nel quartiere Parioli insieme al mio fedele compare Nicolò Mattia Cimini, noto ai più semplicemente come er Nich. Il primo giorno, 09:00 di mattina, ci presentiamo a lavoro e all' entrata del palazzo veniamo prontamente fermati dal portiere, un tipo anziano ma pure mezzo giovanile coi capelli sghangherati peggio di noi ed uno sguardo che se semo capiti ar volo...
Le prime parole che proferisce sono: "A Rino, ma che ce l'hai nà sigaretta?" guardando er Nico, e manco il tempo di rispondere che si gira verso di me e me fà, "Aò lo sai tu a chi assomigli? All'amico de...come se chiamava...Fidel Castro. Assomigli all' amico de Fidel Castro...hai capito chi? Mò non me viene in mente."
Praticamente per un mese intero che abbiamo lavorato lì dentro a me, me chiamava Chè Guevara, er Nico s'è beccato l'appellativo Rino Gaetano, anche se spesso se sbagliava e Rino me ce chiamava pure a me! A Brunello e mò le sigarette a chi je le scrocchi? Daje Ceghevaaà!
Il povero Nico ormai non riesce più a sfuggì da stà maledizione. Ovunque va la gente lo ferma per strada dicendogli che assomiglia al famoso cantautore. Nà volta un tipo a cena dentro un ristorante è uscito di corsa urlando, "No non ci posso credere! Sei troppo uguale a Rinoooo!"
Er Nico è una delle persone piu sincere e genuine che io conosca, e poi je piace un sacco rotolasse per terra, e già solo per questo è uno dei mejo amici miei. Mitò!

"C'è qualcuno che vuole mettermi il bavaglio! Io non li temo! Non ci riusciranno! Sento che, in futuro, le mie canzoni saranno cantate dalle prossime generazioni! Che, grazie alla comunicazione di massa, capiranno cosa voglio dire questa sera! Capiranno e apriranno gli occhi, anziché averli pieni di sale! E si chiederanno cosa succedeva sulla spiaggia di Capocotta."

Rino Gaetano, 1979

lunedì 28 febbraio 2011

Roman Toys

E' ormai noto e risaputo che lo skateboarding ringiovanisce chi lo pratica...specialmente in Italia, il secondo paese più anziano d'europa che conta circa il 20,2% della popolazione over 65 secondo i dati ISTAT del 2009. Un forte squilibrio generazionale che di certo non è d' aiuto ad una gioventù sempre più distaccata da una quotidianità e una politica distante anni luce dai suoi bisogni.
E anche se ultimamente può sembrare che le cose un pochino si smuovano, non illudiamoci...in fin dei conti lo skateboard non è un giocattolo!

mercoledì 16 febbraio 2011

A Brief Glance N° 5!

La premiata ditta Bendotti Biondani & Sons partorisce il quinto numero della loro rivista strà-attenta all'inquinamento ed ai problemi energetici che affliggono il nostro pianeta...infatti nessun albero tagliato e niente mila copie portate al macero direttamente dalla stamperia, perchè ABG è solo online! 
Mi preme parlare di un articolo in particolare che riguarda la famigerata Banda della Magliana che dalla fine degli anni '70 fino ai primi anni '90 ha dominato la Città Eterna con un pugno d'acciaio entrando prepotentemente nelle cronache Italiane e mondiali nonchè nell'immaginario collettivo di migliaia di giovani, rendendo alla Banda una fama senza eguali in campo criminoso. Vabbè non voglio rovinare la sorpresa leggetevi il nuovo A Brief Glance scritto in inglese (e per chi non capisse l'inglese: a regà oramai è un mondo globalizzato dalle potenze anglo-americane quindi se non parlate inglese state indietro, aggiornatevi!).
E complimenti a Davide Biondani ed al nuovo arrivato fotografo nonchè bebè Giovanni Biondani, auguri!!!

Ah! Dimenticavo che c'è pure un montaggetto video che ripercorre la nostra "caccia" alla banda...

lunedì 14 febbraio 2011

URBANALOGICO

Io amo skeitare alberi e benzinari...vivo in costante contrapposizione fra natura (alberi), e distruzione dell'ambiente (benzinari)... skeito con ruote, suole delle scarpe e gommini di petrolio, e tavole di legno provenienti da alberi che non potrò mai piu skeitare... un giorno vincerò il premio nobel per IPOCRISIA mondiale... nel frattempo penso a divertirmi aspettando la fine del mondo! Libero nel pensiero... schiavo della tecnologia.

Stiamo vivendo appieno nell'era digitale: social network, amicizie virtuali, telecamere HD capaci di catturare attimi altrimenti invisibili all'occhio umano. L'informazione oramai passa per la grande rete, qualsiasi cosa tu cerchi è a portata di un click. Tutto è a portata di tutti fino al punto che nulla ha quasi più valore. Tutto troppo facile. Non si suda più per arrivare a conoscere qualcosa. La "scoperta" spesso non passa manco più attraverso il mondo fisico, reale, ma tramite la connessione. Siamo tutti connessi a non si sa bene che cosa di irreale, etereo...digitale. "Conoscere" oggigiorno vuol dire semplicemente "l'aver cliccato, guardato o letto, mi piace, condiviso", e via alla prossima informazione pixelata.

In tutta questa situazione ai limiti della realtà siamo stati condizionati ad accontentarci del mediocre. Compriamo scadenti cibi industriali confezionati senza leggere gli ingredienti e senza PREOCCUPARCI di sapere cosa stiamo ingerendo. Non abbiamo più un rapporto diretto con il cibo. Puoi mangiare una cosa senza averla nè mai vista nè toccata nella sua forma originale. Così come puoi conoscere una cosa in rete senza averne mai avuto esperienza diretta nella vita reale.

Ci stiamo allontanando sempre più da un' esistenza fisica, reale, verso un' esistenza digitale sempre più discostata e lontana dal mondo tangibile...ciò che io chiamo esistenza analogica.

Vi presento URBANALOGICO, montaggio video che vuole esaltare l'esperienza del vivere, rapportarsi, confrontarsi con e nella città, i suoi luoghi, la sua gente, in uno scambio volto al miglioramento, all' accrescimento della conoscenza approfondita degli spazi della città e di se stessi.

giovedì 3 febbraio 2011

Cruise to the Shop

Chi è il misterioso personaggio che veste le sembianze di Andrea di Fisheye skateshop? Mentre l'originale è in Tailandia, costui sembra gli abbia addirittura occupato casa e negozio...come nel film "Una Poltrona per Due" con Eddie Murphy, solamente che questa volta è reale...
Riuscirà il nostro Andrea a riimpossessarsi della sua vera identità?

Filmed and edited by Ale Martoriati

domenica 30 gennaio 2011

Roma Capoccia

Oramai il livello medio dello skateing nei video americani è talmente alto da farti venire la tachicardia solo a guardarli...è impensabile credere di stargli appresso, a meno che tu non voglia diventare autistico e dissociato dalla realtà...
Meglio fottersene proprio...poi volete mettere, Roma è la città più bella del mondo, forse un pochino trafficata, e con due o tre sampietrini di troppo, ma alla lunga ti ci abitui. Meglio girare allegramente godendosi lo stupendo paesaggio e le chicche che solo la Città Eterna può regalarti che passare ore a provare un trick o una line. Roma va vissuta pienamente per poter cogliere sia i suoi pregi che i suoi difetti.
Dopo trent'anni forse ti romperai pure il cazzo di vedere stà città dal basso e salirai su un aereo per vederla meglio dall' alto...e ti renderai conto che da lassù è ancora più bella, e di quanto ti andava stretta...

Ale Martoriati zipzingin' per le strade de stà città...enjoy!

martedì 25 gennaio 2011

Er Tramonto Romano

Ale martoriati rischia di venir inghiottito dalle sabbie mobili di Ostia in questa pubblicità Roman Skateboards di qualche annetto fà, ma il suo fedele amico Simone Baffoni gli salva il culo con una scopa...



Scatto di Mirai Pulvirenti pubblicato su Baco Magazine...

Roman Skateboards è prodotto dal cervello di Andrea Prosciutti.

sabato 22 gennaio 2011

Pure Skateboarding N°4 coming soon!

Ale Martoriati che skeita le strade di San Francisco?! Dalla discesa con streetgap annesso potrebbe quasi sembrare, certo se non fosse per il fatto che qui siamo nel quartiere Cento Celle!
In diretta dalle vie di Roma l'intervista al neo-laureato Ale Martoriati sulle lucide pagine di Pure Skateboarding N° 4 presto in arrivo al tuo skateshop preferito.

...e cadde di testa dentro al cactus!

giovedì 13 gennaio 2011

Meglio tardi che mai!

E già! Mi è arrivato via mail il link al nuovo ABG mentre ero a Londra durante le vacanze di Natale, ma faceva così freddo che oltre agli arti avevo anche i neuroni congelati...ve l'assicuro che skeitare a -4° è un' impresa sovraumana e chi lo sà meglio di voi che vivete nel nord Italia?! Ho flesciato quando ho visto la copertina scattata da Biondani ad Andrew Zolin "Pushin' in the snow." Mi è ripiombato addosso tutto il freddo dei giorni precedenti in giro per la City...
Menomale che qui a Roma il clima è quello che è, altrimenti a chi gli andrebbe de uscì a cerca nuovi spot? Ovviamente c'è chi è abituato al freddo glaciale come Danny Galli che a quanto pare è un bel segugio di spot in zone artiche aka La Valtellina da dove proviene.

Se non l'aveste già capito è uscito l'issue n°4 di A Brief Glance aka "Nò Sguardo Fugace" sfogliabile qua sotto!
 

venerdì 7 gennaio 2011

Rolling with Massi Baratono

A giugno 2011 dovrebbero essere terminati i lavori della nuova Stazione Tiburtina, un' opera rivoluzionaria per la città di Roma. Oltre a diventare un importante scalo ferroviario nazionale ed internazionale, saranno ampiamente riqualificati i quartieri Nomentano e Pietralata. Tonnellate di cemento e lavori in corso caratterizzano l' area limitrofa alla stazione, e sopratutto centinaia di barriere del New Jersey a delimitare i cantieri.

I jersey barriers, o semplicemente "jersey" sono gli spartitraffico in calcestruzzo armato un pò inclinati tanto celebri sulle autostrade per intenderci. Testati per la prima volta in California nel 1946, ma appellati col nome "Jersey barriers" perchè furono in seguito sviluppate e studiate le forme e i materiali odierni allo Stevens Institute of Technology a Hoboken, nel New Jersey.
Specificamente studiati per tenere le automobili nella carreggiata e diminuire il loro angolo d'impatto con il jersey grazie alla parte iniziale in basso inclinata che ha la funzione di riindirizzare le ruote verso la strada.
Le loro forme e dimensioni, unite alla massiccia diffusione nelle strade di tutto il mondo hanno reso il Jersey un ostacolo celebre, altamente skeitabile e divertente.
Se leggete l'inglese ecco un linketto sulla storia dei jersey:
http://www.americanheritage.com/articles/magazine/it/2006/1/2006_1_26.shtml